Home / News / Saldi invernali 2018 quando e dove trovare gli sconti più alti

Saldi invernali 2018 quando e dove trovare gli sconti più alti

Si inizia già oggi 2 gennaio in Basilicata, a seguire tutti gli altri. Le date e i consigli per gli acquisti.

La prima regione a partire sarà la Basilicata cui seguirà la Valle D’Aosta il 3 gennaio. In tutte le altre regioni, le vendite di fine stagione scatteranno venerdì 5 gennaio, con l’esclusione della Sicilia che inizierà per ultima sabato 6 gennaio, in coincidenza con l’Epifania

I saldi sono regolamentati per legge sia nei tempi che nelle modalità: attenzione perché mentre i prezzi sono speciali, per molti altri aspetti sono delle normali vendite.

Ecco regione per regione le date di inizio e fine dei saldi invernali 2018.

Abruzzo: 5 gennaio – 5 marzo

Basilicata: 2 gennaio – 1 marzo

Calabria: 5 gennaio – 28 febbraio

Campania: 5 gennaio – 2 aprile

Emilia Romagna: 5 gennaio – 5 marzo

Friuli Venezia Giulia: 5 gennaio – 31 marzo

Lazio: 5 gennaio – 8 febbraio

Liguria: 5 gennaio – 18 febbraio

Lombardia: 5 gennaio – 5 marzo

Marche: 5 gennaio – 1 marzo

Molise: 5 gennaio – 5 marzo

Piemonte: 5 gennaio – 28 febbraio

Puglia: 5 gennaio – 28 febbraio

Sardegna: 5 gennaio – 5 marzo

Toscana: 5 gennaio – 5 marzo

Umbria: 5 gennaio – 5 marzo

Veneto: 5 gennaio – 31 marzo

Saldi invernali 2018, sconti più alti

Quest’anno gli sconti di partenza saranno più alti della media. Il 56% parte con uno sconto del 30%, gli altri con promozioni ancora più alte.

I saldi invernali somiglieranno un black friday ‘sotto casa’, solo più accessibile e di maggiore durata.

Regole e consigli per i saldi invernali 2018

Federconsumatori ha offerto un suo decalogo contro le fregature. Eccolo.

1) Conservate sempre lo scontrino: non è vero che i capi in svendita non si possono sostituire. Il negoziante è obbligato a farlo.

2) Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino.

3) Acquistate merce della quale conoscete già il prezzo, in modo da poter valutare liberamente e autonomamente la convenienza dell’acquisto.

4) Verificate che il prodotto offerto in vetrina sia lo stesso che vi verrà presentato in negozio.

5) Ricordate che sulla merce è obbligatorio il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato.

6) Il consiglio è di diffidare dei capi di abbigliamento che possono essere solo guardati e non provati.

7) Diffidate degli sconti superiori al 50%: spesso nascondono merce non proprio nuova.

8) Controllate che fra la merce in saldo non ce ne sia di nuova a prezzo pieno. La merce “vecchia” offerta in saldo deve comunque essere separata dalla “nuova”.

9) Pagamenti. Nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi.

10) Fregature. Se pensate di avere preso una fregatura rivolgetevi ad una delle associazioni dell’Intesa, all’Ufficio Comunale per il commercio o ai Vigili Urbani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.